Val di Fiemme - Trentino

Il Miele e le Dolcezze

Il Polline Fresco

Durante la visita di un fiore il corpo peloso dell’ape si imbratta di polline, che in parte viene trasportato in altri fiori per l’impollinazione, in parte viene spazzolato con le zampe, impastato con il nettare, raccolto in forma di pallottole, riposto nelle cestelle sulle zampe posteriori e trasportato nell’alveare dove serve come nutrimento per le larve e per le api produttrici di pappa reale. E’ l’unica fonte di proteine, lipidi e sali per la colonia, ed è costituito in media da acqua (11%), proteine (20%), zuccheri (36%), lipidi (5%) e in percentuale minore di altri elementi. La sua composizione varia a seconda della specie botanica da cui proviene. Il nostro polline viene prodotto in una zona incontaminata a 1000 mt. di altezza, dove giornalmente ci rechiamo a prelevarlo dagli alveari, in un lasso di tempo che va dalla primavera inoltrata fino al mese di agosto. Consumato fresco, appena raccolto, ha un valore alimentare incomparabile.